un film documentario di matteo calore e stefano collizzolli // ZaLab

I nostri anni migliori

Cosa resta di una rivoluzione, nelle vite delle persone che l’hanno attraversata?

Abbiamo incontrato nei campi profughi di Manduria, Mineo e Palazzo San Gervasio cinque ragazzi tunisini, non intellettuali nè attivisti, cinque fra i ventiduemila arrivati a Lampedusa fra febbraio ed aprile 2011.
Ci raccontano quello che l’Italia non ha saputo ascoltare: la vita soffocata sotto Ben Ali, la crescita inaspettata e dirompente di una rivolta che ne provoca la caduta.  E la possibilità di partire, di cambiare vita, di raggiungere un Europa per alcuni a lungo sognata e per altri solo improvvisata.

Gli anni migliori sono i loro: quelli di una generazione cui per troppo tempo è stata negata la libertà, e che ora hanno deciso di provare a prendersela intera.

I commenti sono chiusi.