un film documentario di matteo calore e stefano collizzolli // ZaLab

Articoli con tag “documentario

Proiezione di I nostri anni migliori in una Rovolon che accoglie

Giovedì 13 novembre 2014 si terrà a Rovolon, in provincia di Padova, la proiezione del documentario “I nostri anni migliori” di Matteo Calore e Stefano Collizzolli con cui si inaugura la rassegna “Sguardi dall’altro mondo”. L’appuntamento è alle ore 20.30 presso il Centro parrochiale di Bastia di Rovolon.

ragazzo-in-attesaNon è un caso che il documentario venga proiettato a Rovolon. La proiezione è un’occasione per riflettere insieme alla comunità sull’importanza dell’accoglienza e dell’ospitalità che possono essere messe in atto fermandosi ad ascoltare e cercando di capire ciò che spinge così tante persone a scappare dai loro paesi d’origine.

Che cosa sta succedendo a Rovolon?
Il 30 settembre 2014 ci sono state proteste in piazza da parte dei residenti del borgo che non volevano che nella Casa d’accoglienza San Domenico Savio, gestita dall’associazione Per un sorriso, fossero ospitati i profughi sbarcati in meridione. Ma l’altra parte di Rovolon si è attivata e in due giorni sono state raccolte un centinaio di firme di residenti pronti ad accogliere i profughi.
Nel mese di ottobre sono stati ospitati alcuni gruppi di profughi. Il primo gruppo, accolto il 12 e il 13 ottobre, era composto da dieci persone: una signora eritrea con i suoi tre figli (sette, undici e diciassette anni), una giovane somala, una siriana con due figli (sette e undici anni). Ma donne e uomini sono stati divisi. Stefano Ferro, del direttivo dell’associazione Per un sorriso, racconta di quanto la divisione dei nuclei di parenti e amici sia stata un errore: «con il terrore che hanno di dovere rimanere in Italia, la mattina sono partiti separati, e dai messaggi che ancora riceviamo, non si sono ancora riuniti. Da allora, sentiti anche i pareri delle parrocchie e dei comitati abbiamo deciso di non rompere più queste famiglie». Il 23 ottobre è arrivato un gruppo di siriani, due famiglie una signora con i suoi quattro figli, un’altra con il marito e due bimbi piccoli che hanno accolto nella medesima struttura. Il 27 ottobre è arrivata una famiglia nigeriana: madre incinta di otto mesi, padre e una bimba di due anni.

I nostri anni migliori racconta dello sbarco avvenuto a Lampedusa tra fine febbraio ed inizio marzo del 2011 di seimila giovani tunisini e dell’incapacità dello stato italiano di accogliere persone che hanno vissuto la repressione e la miseria sotto il regime di Ben Ali.

Vi aspettiamo giovedì 13 novembre per la proiezione di I nostri anni migliori a Rovolon (PD) presso il Centro parrocchiale di Bastia di Rovolon alle ore 20.30!


Finalmente in Tunisia!

PREMIERE EN TUNISIE

dans le cadre du festival “Cinéma de la Paix”
Organisé par Fédération Tunisienne des Ciné-Clubs
En collaboration avec IIC Tunis

Le mardi 20 mars 2012 à 15 h, dans la Maison de la Culture Ibn Khaldoun

***

Après cette projection, le film commencera une tournée par le Ciné-Clubs en Tunisie

***

Nos meilleures années
Que reste-t-il d’une révolution dans la vie des personnes qui l’ont traversée?
La révolution tunisienne, inattendue et explosive, vue à travers le récit de cinq jeunes tunisiens, rencontrés à Manduria, Mineo et Palazzo San Gervasio.
Une liberté, trop longtemps réprimée sous le régime Ben Ali, explose tout à coup et le départ, longuement convoité par certains et improvisé par d’autres, devient une manière d’en jouir jusqu’au bout.

L’evenement sur facebook
La segnalation par Tuniscope
L’article de “Le Temps” sur le festival

Une photo du premier étage du cinéma, prise durant le débat d’apres la projection


Arrivare a Lampedusa: un extra video

un extra dal girato de “I nostri anni migliori”.

Una grande sfortuna è quella che tu, il tuo mondo, la tua vita e le tue esigenze siano ignorate dal racconto mediatico.
Ma una sfortuna forse più grande ancora è quella che tu diventi oggetto del racconto dei media senza poterne essere soggetto, quella di essere raccontato sempre e solo in funzione di interessi altrui, senza poter replicare, senza poter prendere parola.

E’ quello che è successo ai ventitremila tunisini arrivati a Lampedusa (ed ancora di più a quelli arrivati dopo, che son diventati addirittura “libici”, essendo in realtà ghanesi, nigeriani, chadiani… leggete qui su questo). I tunisini sono diventati “profughi” (o clandestini mascherati), “orda barbarica”, “emergenza biblica”: funzione di un discorso tutto di ordine pubblico e tutto politico. Questo è un piccolo racconto dell’arrivo a Lampedusa, da un altro punto di vista.


le proiezioni di lancio di “I nostri anni migliori”

“I nostri anni migliori”  è disponibile per proiezioni e presentazioni attraverso la rete della “distribuzione civile” che ha portato film già co-prodotti da ZaLab come Il sangue verde, Canzone per Amine, Magari le cose cambiano e Come un uomo sulla terra  in centinaia di città italiane ed europee.
Queste sono le prime proiezioni:

Padova, 14 NOV 2011, 16.15  @ Immaginafrica      |più info // FB|
Verona, 15 NOV 2011, 20.30  @ Festival del Cinema Africano di Verona      |più info // FB|
Roma, 24 NOV 2011, 20.30  @ Apollo11   |più info // FB|
Monza, 25 NOV 2011, 23.00 @FoaBoccaccio |FB|
Padova, 1 DIC 2011  @ PortoAstra |più info // FB|
Nottingham, 3 DIC 2011  @ NewArtExchange     |più info|

Per organizzare una proiezione leggi qui

Il film sarà presentato anche nella library di italiandoc durante italian doc screenings 2011 (Firenze 16/19 NOV)


anteprima a Padova, 14 novembre ore 15.00

Lunedì 14 Novembre, ore 15.00-19.00
A Padova, al Centro San Gaetanologo immaginafrica
un anteprima de “I nostri anni migliori”
Ingresso libero
Tunisia: le stagioni dei gelsomini

Proiezione Documentari
Ore 15.00 “Laïcité, inch’Allah!”, di Nadia El Fani
Ore 16.15 “I nostri anni migliori”, di M.Calore e S.Collizzolli
Ore 17.00 “#Revolution”, di D.Galati e A.Sinopoli

Ore 17.30 Tavola Rotonda
Tahar Chikhaoui, critico cinematografico (Tunisia)
Mehdi Tekaya, storico e attivista online, (Tunisia)
Fethi Ouesleti, operaio tunisino emigrato protagonista del documentario “I nostri anni migliori”

Coordina: Gabriele Del Grande, giornalista.

l’evento su facebook
il film sul sito di immaginafrica